La signora del lago

IL CLASSICO FANTASY
dal 28 novembre 2019 - costo € 8 
Per le scuole secondarie di I e II grado

Testi e musiche
di
Guido Cataldo

REGIA
Gaetano Stella

scarica la scheda dello spettacolo
scarica la scheda di prenotazione

La signora del lago è un musical in un unico atto liberamente ispirato ai Promessi sposi, infatti, dal capolavoro di Alessandro Manzoni, prende spunto per mettere in scena, in modo originale, l’eterna lotta fra il bene ed il male, con i buoni ed i cattivi e la sconfitta definitiva di questi ultimi. La signora del lago un musical fantasy ambientato in una valle bagnata da un lago dove si svolge, in un non tempo, l’intera vicenda.
L’idea ispiratrice di Guido Cataldo è stata quella di associare le individualità caratteriali dei personaggi manzoniani a quelle di animali che vivono nell’ecosistema del lago ed ecco quindi che Don Abbondio è un coniglio, Renzo e Lucia sono due cigni, i Bravi due pipistrelli al servizio di Don Rodrigo che è uno sparviero, fra Cristoforo un cervo, Perpetua una gallina, Agnese una gatta, Geltrude, la Monaca di Monza un cigno nero, l’Innominato un lupo ed il Cardinale un’aquila, regina della valle. I costumi fantasy danno al tutto un’immagine quasi fiabesca ricordando, insieme alle stupende maschere stilizzate indossate dagli attori, per foggia, simboli ed accessori gli animali corrispondenti ai singoli personaggi, i nomi dei quali sono trasformati, per assonanza, a nomi di chiaro sapore gotico:
Don Rodrigo              Onrothògar                 lo sparviero
Don Abbondio            Onalbòneg                  il coniglio
Perpetua                    Erpètula                     la gallina
Renzo                        Rénlor                        il cigno
Lucia                         Lyethìa                       la cigna
Fra Cristoforo             Rokrithòrodon             il cervo
L’innominato              Virominànthon             il lupo
Geltrude                    Gheltruden                  il cigno nero
Agnese                      Angrèten                     la gatta
Il Cardinale                Athàra                        l’aquila
Insieme agli attori-cantanti si muovono i ballerini nei ruoli dei quattro elementi naturali Acqua, Fuoco, Aria, Terra.
La peste manzoniana viene visualizzata come l’inquinamento del lago voluto dalle forze del male. Il Sacro Rito è la cerimonia che Onalbòneg dovrebbe celebrare per unire Rènlor e Lyethìa. L’amore universale va a sostituire la divina provvidenza. L’intera vicenda viene fuori dal racconto che il Cigno nero, la Signora del lago, segregata in un angolo nascosto del lago, fa ad Erèna, un cucciolo di volpe.
Maschere, costumi, proiezioni, luci, coreografie e musica fanno sì che La signora del lago abbia un grande impatto spettacolare coinvolgendo lo spettatore nella magia del musical.
Nella vicenda vengono a delinearsi temi di scottante attualità come l’ emigrazione e il bullismo : Rènlor e Lyethìa sono costretti a lasciare la propria terra per colpa di un prepotente come Onrothògar. La Signora del lago, segregata in un angolo buio del lago rappresenta una chiara vittima di violenza sulle donne ed infine l’ecologia: l’inquinamento del lago ci riporta al disastroso stato dei nostri fiumi e dei nostri mari.
Attori – cantanti e ballerini di assoluto valore sono gli interpreti di questo originale musical che ripropone, in modo originale, una storia letta, studiata e vista già tante altre volte, ambientandola, in questa nuova edizione, in un mondo fantasy dove, appunto, la fantasia, lasciata libera di spaziare, crea nuove emozioni e suggestioni.
Testo, musiche e liriche sono di Guido Cataldo, premio Broadway World Italia 2013 come migliore partitura musica e liriche con il musical America, con cui vince anche lo Special Prize GEW 2015 – Best Musical al Gold Elephant World International film&musical festival

 

 

Read 27 times Last modified on Mercoledì, 18 Settembre 2019 08:27